FAQ

In questa pagina trovi alcune delle domande che più frequentemente ci vengono rivolte con le relative risposte.

Esiste più di un tipo di garanzia, ma quella che viene comunemente intesa come “garanzia” è la Garanzia Legale che si chiama così perchè è prevista dalla Legge. La garanzia legale ha una durata di 2 anni e viene gestita dal Venditore nei casi il cui il prodotto che ha venduto abbia difetti di conformità, oppure si guasti al di fuori della responsabilità dell’acquirente, durante il periodo di validità della garanzia.

Se sei associato a Garanteasy lo puoi fare mediante le procedure indicate nel Sito. In generale ti puoi rivolgere al Venditore esibendo i documenti d’acquisto, o al Produttore in caso di garanzia convenzionale.

Possibilmente si, ancora meglio se utilizzi Garanteasy che serve proprio a questo. Ma per far valere la garanzia puoi anche utilizzare altre prove d’acquisto.

Lo scontrino è il sistema più semplice ma la garanzia legale la puoi far valere anche con altre prove di acquisto, come ad esempio ricevute, fatture oppure ricevute bancomat o Carta di credito.

Il reso è il tuo diritto di ripensamento su un prodotto acquistato. Generalmente hai 14 giorni di tempo per restituire ciò che hai comprato online o a distanza. La garanzia, invece, è il tuo diritto alla riparazione, alla sostituzione o al rimborso del prezzo del prodotto difettoso. Esistono diversi tipi di garanzia, tra cui quella legale del venditore e quella convenzionale del produttore.

E’ un servizio aggiuntivo a pagamento che viene offerto dal Venditore o dal Produttore e che ti permette di avere una copertura più lunga o più ampia sui difetti o danni del prodotto.

Ogni prodotto venduto ha una Scheda di conformità che ne stabilisce le caratteristiche e le funzioni. Il singolo prodotto che per vari motivi non risponde a una o più di una delle caratteristiche indicate è un difetto di conformità.

Prima di chiedere la sostituzione occorre normalmente che tu richieda la riparazione e solo se questa risulta impossibile, potrai chiedere di restituire l’oggetto al fine di ottenere la sostituzione o in alcuni casi il rimborso del prezzo.

Si, gli oggetti che compri online sono sottoposti alle stesse forme di garanzia di quelli comprati in un negozio fisico.

L’acquirente, anche se in alcuni casi è il venditore che si fa carico delle spese di restituzione del prodotto. Se, invece, devi restituire un prodotto perchè ha un difetto di fabbricazione, è sempre il venditore che deve pagare le spese di spedizione.

Non c’è un termine preciso, dipende da tanti fattori (prodotto, CAT, difetto ecc). In ogni caso la durata della riparazione non ti deve danneggiare o creare problemi.

Un prodotto è non conforme quando non ha le caratteristiche funzionali ed estetiche tipiche di quel prodotto. Il prodotto è difettoso quando appunto ha almeno un difetto, che potrebbe essere a causa di una errata costruzione, ma anche ad esempio a danni da trasporto.

Dipende: se la riparazione della macchina è avvenuta durante il periodo di garanzia legale, il pezzo sostituito non sarà coperto da una nuova garanzia. Se, invece, la sostituzione è stata fatta fuori garanzia e a pagamento, sul pezzo c’è una garanzia di due anni se è nuovo, di un anno se è usato.

Se il Venditore è responsabile dell’installazione del prodotto, la garanzia copre anche i problemi riscontrati in questa fase, potrai perciò richiedere l’intervento in garanzia.

No. Il rimborso è un rimedio secondario, utilizzabile solo nel caso in cui la riparazione o la sostituzione: 

  • siano impossibili o eccessivamente onerose;

  • non siano state eseguite dal venditore entro un congruo termine;

  • abbiano arrecato al consumatore notevoli inconvenienti.

Inoltre, un difetto di conformità di lieve entità non dà diritto alla risoluzione del contratto.

 

In caso di garanzia legale, esiste il “principio dell’inversione dell’onere della prova” secondo il quale per i primi sei mesi dall’acquisto del prodotto deve essere il venditore e non il cliente a dover dimostrare l’esistenza del difetto nel prodotto.

Il Venditore di qualsiasi prodotto nuovo, esclusi i beni deperibili, compresi acqua, gas e carburanti, deve darti sempre la garanzia legale sul prodotto venduto.

Certo. Puoi usare qualunque prova d’acquisto, anche se è sempre bene conservare lo scontrino. Se non vuoi rischiare ancora di perdere lo scontrino usa il servizio Garanteasy!

Si, se la riparazione avviene in un Centro Assistenza autorizzato dal venditore o dal produttore. In caso contrario, c’è il rischio che il produttore o il venditore rifiutino di farla valere perché il prodotto risulta essere stato manomesso ed alterato.

Certamente. Anche durante il periodo dei saldi di fine stagione (invernali o estivi), i prodotti sono sempre coperti dalla garanzia legale e dalla eventuale garanzia convenzionale.

La garanzia legale non copre i danni accidentali, ossia i danni da cadute, da liquido, da ammaccature. Generalmente questi danni sono coperti dalle estensioni.

Se per il venditore non è troppo oneroso, si. Se, invece, il difetto può essere eliminato con la riparazione senza compromettere in alcun modo il prodotto, dovrai accettare questo rimedio.

Assolutamente si, sia la garanzia legale a carico del venditore che la garanzia commerciale del produttore.

Dipende. Se il centro assistenza tecnica è collegato al venditore, va bene. Se invece l’intenzione del venditore è quella di evitare di farsi carico della garanzia legale abbandonando a se stesso il cliente, allora devi riportare il prodotto al negozio e ricordare al venditore che si deve occupare lui del problema.

Si, la garanzia sui pezzi di ricambio dura 2 anni perché sono nuovi.

Lo scontrino e la ricevuta vengono emessi verso clienti privati (senza P.IVA). Lo scontrino è più semplice e non contiene i tuoi dati fiscali. La ricevuta contiene i tuoi dati fiscali e anche altre indicazioni per descrivere l’oggetto dell’acquisto. Scontrino e ricevuta valgono entrambi alternativamente per la garanzia.

Si certo. La garanzia viene data dal venditore e, se ancora non è scaduta, puoi far valere anche la garanzia del produttore.

Se il tuo prodotto ha un difetto di fabbricazione o funzionamento ed è coperto da garanzia legale, non devi pagare nulla perchè tutti i costi sono a carico del venditore. Può succedere, però, che il venditore chieda al cliente di anticipare le spese di spedizione, che non dovranno essere restituite se il prodotto è stato danneggiato dal cliente.

Se la lavatrice è ancora coperta dalla garanzia legale, ti devi rivolgere al venditore che ti darà tutte le indicazioni necessarie. Se il tecnico (incaricato dal venditore) ti dice che non c’è nessun difetto oppure che la lavatrice l’hai danneggiata tu, allora devi pagare il suo intervento. Se sono passati più di due anni da quando hai comprato la lavatrice, puoi provare a contattare il produttore o un CAT da lui indicato.

Si, se acquisti con fattura la garanzia dura 12 mesi. Ad esempio, se sei un artigiano e devi acquistare un macchinario oppure se sei un libero professionista e compri la stampante per il tuo ufficio.

Se il prodotto difettoso è coperto dalla garanzia legale, le spese di spedizione le paga il venditore. In caso di garanzia convenzionale, le paga il produttore solo se previsto dalla garanzia.

La Garanzia Legale è concessa per Legge dal Venditore. La Garanzia Convenzionale è concessa dal Produttore, ma è discrezionale, cioè non obbligatoria, e la Garanzia Commerciale è equivalente a quella Convenzionale.

Probabilmente il venditore ti nega la garanzia legale perchè hai danneggiato tu, anche involontariamente, il prodotto. Se non è così, ti consigliamo di rivolgerti ad un legale o ad una associazione dei consumatori.

Se il prodotto è riparabile, normalmente questa è la prima soluzione che ti viene proposta. Se non è riparabile ti rimane solo la sostituzione o in alcuni casi il rimborso del prezzo. Come principio generale si sceglie il rimedio meno gravoso per il Venditore, ma che elimini il difetto, a patto che l’acquirente non subisca inconvenienti.

Assolutamente si. Se è scaduta la garanzia legale, hai anche la garanzia convenzionale del produttore a tua disposizione.

Il produttore è colui che costruisce il bene (ad esempo l’elettrodomestico) e a sua discrezione può concedere un garanzia di tipo convenzionale. Il Venditore è colui (negozio o e-commerce) che vende il prodotto attraverso i suoi canali di vendita. Il produttore può essere anche venditore.

Puoi provare a chiedere una seconda riparazione oppure la sostituzione del prodotto difettoso. In ogni caso, potrai richiedere il rimborso del prezzo solo se i rimedi della riparazione o sostituzione precedentemente effettuatiti ti hanno causato problemi o hai dovuto aspettare troppo tempo per ottenerli.

Il Codice del Consumo è un Testo unico di Legge che raccoglie tutta la normativa relativa ai Consumatori.

E’ colui che acquista un prodotto per uso personale e non professionale.

Certo. Hai diritto alla garanzia per i vizi della cosa venduta, che ha una durata di 12 mesi. Potrai richiedere la riduzione del prezzo o il rimborso totale dello stesso ma devi denunciare al venditore il difetto entro 8 giorni dalla scoperta. Se ancora non è scaduta, potrai far valere anche la garanzia commerciale del produttore.

 

Prova a sollecitare il venditore e se entro pochi giorni non dovessi risolvere, chiedi la sostituzione del prodotto difettoso. Se la sostituzione risulta impossibile o eccessivamente onerosa puoi richiedere il rimborso totale o parziale del prodotto in questione.

Le risposte che trovi nelle FAQ di Garanteasy sono frutto della attività di esperti interni, ma non possono tenere conto delle molte possibili scelte strategiche e metodologiche dei Venditori e dei Produttori. Queste risposte hanno perciò esclusivamente una funzione di indirizzo, permettendo all’Utente di avere le prime indicazioni generali.

Le risposte rappresentano le soluzioni che forniscono le normative sul Consumo e ove esse siano mancanti, gli usi e le prassi del settore commerciale.
Garanteasy perciò non si assume alcuna responsabilità relativamente a contestazioni che possano nascere dalla applicazione delle risposte alle FAQ ai casi concreti.
Gli esperti interni di Garanteasy ricordano che, per la risoluzione dei singoli casi concreti è necessario rifarsi alla Normativa in vigore e alla documentazione ufficiale di Garanzia emessa da Venditori e Produttori.